Energia in Movimento

Sviluppo e approfondimento di studi naturistici ed esoterici
I mercoledì del Centro Luce

Natale, il significato esoterico di una favola.

dicembre24

natale


Ascolta Carlo Renzi sul nostro canale YouTube:
Natale, Il significato esoterico di una favola

 

Questo ultimo incontro dell'anno è dedicato ad una chiacchierata sul Natale.
Non mi ritengo un esperto ma un appassionato di certe cose, della ricerca dei simboli, dei significati nascosti,  che, se si ha voglia e interesse a cercarli, si trovano.
Parlo dei significati che non appaiono poi così immediati nei racconti biblici, nei racconti evangelici.

Quello che vorrei dare a voi stasera è qualcosa di cui di solito non si parla, perché è inutile parlare delle cose che già sappiamo che, comunque, periodicamente, a Natale si dicono.

Quando parliamo del Natale, della nascita di Gesù, ci sono gli attori principali, gli attori secondari, le comparse.
È chiaro che gli attori principali siano Maria, Giuseppe e Gesù.  Di questi, da 2000 anni si è parlato tantissimo.
Si è parlato molto di Maria, ancora di più di Gesù, molto meno di Giuseppe, che appare per qualche momento, poi scompare.
 

Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Non intossichiamo il nostro campo energetico

dicembre2

ariapura

Ascolta Carlo Renzi sul nostro canale YouTube:
Non intossichiamo il nostro campo energetico

Oggi stavo parlando con una persona del gruppo su come noi a volte, spesso, quasi sempre, riusciamo a bloccare l'energia di ciò che è nella logica delle cose che debba avvenire nella nostra vita, nel senso di ciò che è giusto che avvenga, anche se il concetto di giusto è abbastanza opinabile, perché comunque se ne sappiamo trarre un insegnamento, è giusto, ma è giusto che accada anche se non ne sappiamo trarre un insegnamento.
Se ne sappiamo trarre un insegnamento è meglio.

Ma io mi riferivo più che altro a come, a volte, i rapporti fra le persone, siano difficoltosi, faticosi.

Spesso diciamo: "Devo lavorare sul rapporto con mia moglie, o mio marito, o con i miei figli, o con il datore di lavoro".

In realtà non dobbiamo fare nessun lavoro con figli, moglie, datore di lavoro, ma abbiamo un solo lavoro da fare ed è quello con noi stessi, perché nel momento in cui io ho un comportamento rispettoso di me stesso, rispettoso dell'ambiente in cui vivo, rispettoso delle persone con le quali vengo a contatto, ogni frase di questo tipo racchiude in sé una serie di cose.

Rispetto di me stesso vuol dire curare il mio corpo, mangiar bene, non mangiare schifezze, non mangiare di corsa, dare importanza al cibo, vestirmi in maniera adeguata, avere piacere a guardarmi, avere un aspetto che mi piace, questo vuol dire avere un buon rapporto con il proprio corpo, e vuol dire anche tante altre cose.
Così per quanto riguarda il rapporto con l'ambiente in cui viviamo.

Se noi cominciamo a fare questo, cominciamo ad essere sinceri con noi stessi, a non prenderci più in giro, a dirci le cose come stanno, ma con noi stessi, vediamo che i nostri rapporti cominciano a cambiare, che le cose cominciano ad accadere.
Cominciano ad accadere cose che ci facilitano la vita.

Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

I chakra filtrano i nostri pensieri

novembre30

sta per piovere

Ascolta Carlo Renzi sul nostro canale YouTube:
I chakra filtrano i nostri pensieri

Il discorso sulla coerenza è strano, per me esistono diverse forme di coerenza e diversi modi di interpretarla, se io oggi su un medesimo fatto mi esprimo in maniera opposta da come mi sono espresso ieri, apparentemente sono incoerente e probabilmente, per la maggior parte delle persone, sono incoerente.

Io sono uno che anni fa diceva che chi fa pranoterapia rischia di prendere il male dell'altro, io insegnavo questo, chi mi ascoltava ci credeva, oggi quando sento qualcuno che dice queste cose dico che non ha capito niente della pranoterapia, in effetti io 10 anni fa ero quello per cui ricordandomi questo cerco di non giudicare.

Proprio perché esiste un'evoluzione, esiste una crescita, esiste una crescita che cammina sulla base del "cambiare opinione", allora se io sono coerente, nel senso che esprimo il mio pensiero così come l'ho pensato, cioè la mia parola è aderente al mio pensiero, per me sono coerente.
Se ieri mi sono espresso in maniera diversa, ma la mia parola comunque era aderente al pensiero di ieri, io sono coerente.
A volte è più impegnativo essere coerenti in questo modo, cioè essere coerenti nel senso che, quello che esprimo a parole e quello che poi esprimo con i fatti, è la stessa cosa di quello che penso, questo è più impegnativo che essere coerente con un pensiero incoerente.

Il mio parlare è incoerente nel momento in cui contrasta con il mio pensiero, cioè penso una cosa e ne dico un'altra.
Il giorno dopo faccio la stessa cosa, penso una cosa e ne dico un'altra simile a quella che ho detto ieri e allora chi mi ascolta pensa che io sia coerente.
Questo per me significa essere coerenti con un pensiero incoerente, perché nel momento in cui il mio parlare, il mio agire è diverso dal mio pensiero sono incoerente.

Read the rest of this entry »

scritto da: admin | No Comments »

La “Legge di attrazione” secondo Energia in movimento

novembre16

Ascolta Carlo Renzi sul nostro canale YouTube:
La "Legge di attrazione" secondo Energia in movimento

Poco fa, pensavo ad una cosa, un'idea, un concetto, una tecnica che in questo periodo sta andando abbastanza di moda, di moda nel senso che ogni tanto incappo in qualcosa che ne parla: la legge di attrazione.

La legge di attrazione, bello, puoi attrarre nella tua vita quello che desideri, e che c'è di più bello?

Però bisogna capirlo questo concetto, come faccio? Ci sono quelli che lo spiegano.

Il concetto è abbastanza semplice, tu vuoi ottenere qualcosa,  superare l'esame, ti metti nell'atteggiamento interiore, emotivo, di averlo superato, quindi crei la situazione interiore ed emotiva poi la vita farà in modo di attrarre verso di te quell'evento, cioè lavori praticamente al contrario.

È interessante ma per capirlo meglio facciamo riferimento a qualcosa che è più vicina alla nostra pratica, quanto nella nostra esistenza e nella esistenza dei pazienti, abbiamo applicato una legge di attrazione per ammalarci.

Noi siamo talmente perversi che riusciamo ad attirare cose che non vogliamo nella nostra vita.
Se riflettiamo su questo e cerchiamo di capire, di ricordare come era il nostro atteggiamento interiore quando siamo riusciti ad attirarci cose che non volevamo, lo tramutiamo in positivo e diventa la legge di attrazione per attrarre cose positive nella nostra vita.

Questa è la mia esperienza, sia di terapeuta che di essere umano, noi siamo mediamente abbastanza abili ad attirarci quello che non vogliamo, con lo stesso meccanismo possiamo attrarre ciò che vogliamo.

Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

La scienza del gorilla

novembre9

Ascolta Carlo Renzi sul nostro canale YouTube:
Energia in movimento –  La scienza del gorilla

 Chi ha inventato il punto deve essere uno simile a quello che ha inventato lo zero … avete paura che ricomincio con lo zero eh!

Uno inventa il punto è poi dice che non esiste, cioè è astratto, non ha dimensione. Ma che capoccia ci vuole per inventare una cosa del genere?
Esiste ma non esiste e poi fa esistere tante cose.
– La geometria euclidea dice che il punto è un pensiero primitivo, è qualcosa che esiste dentro di noi –
Il punto è un elemento esoterico, geniale. A chi ha inventato il punto e lo zero dovrebbero dare il Nobel alla memoria.
Come fai a dare un nome a qualcosa così evanescente, che non vedi, come lo zero e come il punto, e poi da questo nascono tante cose che in realtà poi esistono, sono utilissime, però tutto nasce da lì. Certe cose, veramente, sono una sensazione, sono una vibrazione, dalla vibrazione nasce il tutto.
Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Né insegnanti né allievi

novembre5

Ascolta Carlo Renzi sul nostro canale YouTube:
Energia in movimento –  Né insegnanti né allievi

Sapete che non preparo queste chiacchierate e quindi, di solito, non so cosa dire.
È una situazione alla quale, quando ci si fa l’abitudine, tutto sommato, non è così drammatica.
Nel momento in cui non sai cosa dire hai la possibilità di dire qualunque cosa.
Se ho un discorso già preparato, quello diventa una gabbia, diventa un percorso già tracciato e mi impedisce o mi inibisce dal percepire quello che ho intorno, quello che ho intorno è la vostra energia, i vostri pensieri, anche le vostre domande, anche se non sono espresse con la parola, allora nel momento in cui io mi lascio andare a questo tipo di percezione, le cose arrivano.
In effetti a me voi come allievi non interessate assolutamente, non me ne importa niente di voi come allievi … ecco già Maya protesta, un momento, adesso spiego!
No, a me interessate e tantissimo voi, come persone, perché, in una situazione come questa, il rapporto allievo-insegnante non dovrebbe esistere. Purtroppo va a finire che esiste, per una questione pratica, però, nella realtà non vorrei esistere come insegnante, nel senso che quello che io sto facendo è portare a voi la mia esperienza, la mia vita e nel momento in cui voi fate la stessa cosa, nei riguardi di tutti e nei miei riguardi, non c’è un’insegnante, non c’è un allievo, ci sono soltanto delle persone che hanno qualcosa da comunicare, qualcosa da mettere in comune per crescere tutti insieme. Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Questione di numeri

novembre4

Seguici sul nostro canale YouTube
Energia in movimento: Questione di numeri 

Osservavo la data di oggi, è il 23 ottobre del 2013 , tradotto in numeri 2, 3, 1, 0, 2, 0, 1, 3, una data strana, io di numeri non capisco niente ma se ci fosse un esperto di numeri magari ce ne parlerebbe per due ore. Già lo zero mi mette in crisi, l’uno non ne parliamo, con il due già comincia ad andare un po’ meglio.
Questa storia dei numeri mi ha sempre appassionato perché il numero ha una caratteristica rispetto alle altre scienze che è infinito, io da bambino cercavo di immaginare il numero ultimo e non ci riuscivo perché non esiste.
C’era questo fascino dell’infinito che in altre scienze non trovavo, era come l’universo, era una cosa enorme.
Questi numeri che poi potevi combinare in tanti modi ed erano sempre diversi, miliardi, infinite combinazioni.
Poi ho cercato di capirci un po’ di più. Lo zero!  Chi ha inventato lo zero, l’ha inventato anche per una praticità di calcolo, lo zero è stata una grossa innovazione. Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

La gioia

ottobre21

Sul canale YouTube di Energia in movimento: La gioia

… qualcosa da dire la trovo sempre.

Un attimo fa riflettevo su un fatto, quando noi ci incontriamo qui siamo tutti allegri, sorridenti, anche perché siamo così nella maggior parte della nostra giornata, non è che qui stiamo facendo una finta, anche perché io, alcuni di voi, li conosco da un po’ di tempo, e so come sono cambiate le loro vite e quello che esprimono qui è veramente la loro vita.
Certo stando qui ci si rilassa, si sta bene insieme, si può esprimere se stessi in maniera molto libera, tutto questo fa bene, però il seme che viene gettato e che pian piano viene su e cresce è una cosa stranamente ormai rara, è una parola che oltretutto si sente pure poco: la gioia. Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Energia pura

ottobre12


Segui sul nostro canale YouTube:
Energia in movimento – Energia pura 

 

Oggi è venuta a trovarci Maya, è già la seconda volta, ha sei giorni ed è già la seconda volta che viene al Centro Luce.
L’altro giorno abbiamo sentito i chakra di Maya, è una cosa particolarissima perché dal secondo al sesto chakra non si sente quasi niente, è proprio difficilissimo trovarli, sono piccolissimi, bisogna andarci proprio con la punta delle dita, mentre il primo e il settimo si sentono bene, sono abbastanza ampi.
Devo dire che per una volta, quello che ho letto sui libri, coincide con la mia esperienza, ogni tanto capita che si legge un libro, si va a sperimentare e le cose coincidono.
Che cosa succede quando un bambino sta in un gruppo? A parte il fatto che attiri l’attenzione.

Noi cerchiamo di vedere la cosa dal punto di vista energetico, abbiamo parlato di questi due chakra che sono gli unici che il bambino, che Maya, ha sviluppato fino adesso, sono il primo e il settimo chakra.
Prende energia dalla terra, prende energia dalle forze cosmiche e queste energie lavorano dentro di lei, non solo ma vengono emanate anche all’esterno, lei funziona come funzionano tutti, è logico.

Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Pranoterapia e libertà

ottobre7


Quello che noi facciamo qui è pranoterapia, però premetto è la mia, la nostra pranoterapia, perché quando si dice pranoterapia siamo in un campo vastissimo, ognuno la interpreta come vuole, forse non c’è neanche chi ha ragione e chi ha torto o chi fa la cosa giusta o la cosa sbagliata, essendo una disciplina non codificata, proprio come concetto, non ha delle regole scritte.
Intorno alla pranoterapia si dicono tante cose, non è così strutturata come possono essere altre discipline terapeutiche, e ne conosciamo parecchie dove esistono dei testi comunemente accettati, dove esistono delle tecniche che tutti quelli che seguono una certa disciplina terapeutica mettono in atto, in pranoterapia non è così, il risvolto negativo è che ognuno che si sveglia la mattina può dire la sua, e c’è gente che gli va appresso e ci crede.
Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Fare terapia alla terra

ottobre3


Segui sul nostro canale YouTube:
Energia in movimento – Fare terapia alla terra

Io tempo fa dissi: “vorrei cercare di capire come funziona energeticamente la terra”.
Ma non andandolo a leggere su Internet, sui libri, trovare un mio metodo, un modo per individuare i centri energetici della terra.
Come facciamo noi di solito, facendo proprio le nostre verifiche, e non fidandoci di quello che hanno fatto gli altri che ci può servire come spunto, come riflessione, però poi lo andiamo a verificare.
Questa è una cosa che mi ero ripromesso, non so da che parte cominciare però è una di quelle cose che prima o poi farò.
Poi che facciamo? Terapia alla terra? A quel punto il discorso diventa parecchio impegnativo.
La terra può essere considerata alla stregua di un nostro paziente, come i nostri pazienti lamentano alcuni tipi di malattie, di fastidi, di dolori, la terra soffre per la guerra, per le ingiustizie e per tutto quello che deriva dalla guerra, dalle ingiustizie, la fame, la povertà, lo sfruttamento, la schiavitù.
Questi sono i mali della terra.
Diventare terapeuta della terra potrebbe essere una cosa sicuramente interessante, sicuramente utile, sicuramente impegnativa.
Parlare del rapporto con i pazienti è abbastanza semplice, abbiamo tutti o quasi tutti parecchia esperienza, io ho circa trent’anni di esperienza di rapporto con i pazienti come pranoterapeuta.
Quando fate terapia cercate di non coinvolgervi con le problematiche del paziente, con le angosce dei vostri pazienti, nello stesso tempo però non vi attaccate al risultato, tirate fuori da voi quello che spontaneamente viene fuori, date il meglio che sapete dare in quel momento e non preoccupatevi di altro.
Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Libertà

settembre19

Segui sul nostro canale YouTube: Energia in movimento – Libertà

A volte mi prendo delle piccole libertà, di non prendere abitudini, di non preparare le cose, come sapete, perché tanto il momento prima è diverso dal momento dopo, allora quello che penso nel pomeriggio potrebbe essere cambiato la sera, potrei aver cambiato pensiero o atteggiamento mentale.
I nostri atteggiamenti mentali cambiano in continuazione ma noi ce ne accorgiamo nei tempi lunghi non ce ne accorgiamo nel breve periodo, di quanto e come stiamo cambiando.
Più siamo liberi e più il cambiamento è rapido.
Bella parola la libertà, ma cos’è?
Io penso che la libertà sia qualcosa che ci appartenga per nascita, per diritto, comunque l’abbiamo.
Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Il mercoledì in diretta

settembre18

 

Questa sera, mercoledì 18 Settembre dalle ore 21,00,
è possibile seguire in diretta video,
il discorso introduttivo di Carlo Renzi agli incontri del
“Mercoledì del Centro Luce”

Link per il collegamento:
http://www.youtube.com/watch?v=fX2X1g6Im6Y

 

scritto da: admin | No Comments »

Carlo Renzi in diretta video

settembre17

Domani, mercoledì 18 Settembre dalle ore 21,00 sarà possibile seguire un intervento di Carlo Renzi in diretta video.
Parte degli incontri del mercoledì del Centro Luce, diventano così accessibili anche a chi non può essere presente fisicamente in sede.
L’intervento ha, in genere, una durata di 15/20 minuti, più alcuni minuti dedicati alle risposte di eventuali domande fatte dagli allievi della Scuola di Pranoterapia, dopo di che il collegamento verrà sospeso per permettere agli allievi presenti in sede di proseguire con la pratica.
Questa diretta video avverrà da ora in poi ogni mercoledì dalle ore 21,00.
Troverete domani su questa pagina, il link per collegarvi alla diretta.

scritto da: admin | No Comments »

Vogliamo veramente guarire?

settembre12

Riprendiamo questa sera gli incontri del mercoledì, faccio una premessa per le persone che sono qui per la prima volta, la struttura di queste serate è semplice, finché ce la fate a sopportarmi faccio una chiacchierata, poi se qualcuno ha da comunicare delle cose, un'esperienza, qualcosa di interessante avvenuto durante questo periodo in cui non ci siamo visti, può prendere la parola, e poi si passa alle terapie, potete fare tutte le domande che volete, se so rispondervi vi rispondo altrimenti vi dico "non lo so", non mi pongo assolutamente problemi rispetto a questo, anche perché non mi fido delle persone che hanno sempre una risposta, c'è qualcosa che non va, io ho pochissime risposte, anzi, da un po' di tempo, non ho neanche più le domande. Sarà grave?
Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Credere e amare

aprile23

 

 ” Agire senza credere e amare quello che si sta facendo è la radice di tutti i mali “

Stasera il posto dove mi siedo di solito è occupato. Oggi cambio prospettiva.
Ogni tanto fa bene cambiare prospettiva. Fino a che non riusciremo ad avere la prospettiva da sopra, da sotto, da intorno, da fuori, alleniamoci a cambiare punto di vista. Quando poi li avremo acquisiti tutti non avremo più bisogno di cambiare. Una volta che siamo in grado di vedere le cose da tutti i punti di vista contemporaneamente non avremo più una visione parziale delle cose e conosceremo la verità.
Tempo fa dissi: sembra che noi conosciamo solo il 5 % dell’Universo, e abbiamo la presunzione di voler spiegare tutto, forse conosciamo il 5% di noi stessi, il 5% di tutto quello che diciamo di conoscere. Qualche volta c’è qualcuno che ha delle intuizioni, se è una persona sganciata dai meccanismi della scienza non gli interessa dimostrare le sue intuizioni. Se io intuisco qualcosa che è anche contrario al modo di pensare comune, per come sono fatto io, non mi sento in dovere di dimostrarlo, ne di sostenerlo in maniera particolare, me lo godo. Il bello della conoscenza è anche questo, che ce la possiamo godere e quando ho una intuizione che mi apre uno spiraglio nuovo, mi fa vedere una luce nuova, io sono contento e me la godo, poi la  comunico, ma senza sprecare energia per dimostrarlo.
Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Dogmi

marzo20

All’essere umano piace crearsi dei dogmi.
Prende un’idea facile da capire, affascinante, che “sembra” nuova e ne fa un credo.
Quando chiesi a dei ragazzi che percentuale ritenevano che usassimo del nostro cervello tutte le risposte furono 10-12 %.
La neuroscienza ci dice che ne usiamo il 100%. Più di metà dell’umanità ha trasformato in dogma una teoria enunciata più di un secolo fa negli Stati Uniti, e mai dimostrata, che ce ne attribuiva l’utilizzo intorno al 10%.

Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »

Babbo Natale …

gennaio17

Alcuni giorni fa in prossimità delle feste natalizie facevo questa riflessione: molti bambini, anche in una fascia d’età in cui diventano molto critici nei confronti degli adulti, e non più propensi a credere a tutto passivamente, credono ancora a Babbo Natale.
Sicuramente c’è un meccanismo che scatta in ognuno di noi, tutti noi ci abbiamo creduto, poi riflettevo sul fatto che, tutti noi, ancora ci crediamo. Read the rest of this entry »

scritto da: Carlo Renzi | No Comments »
« Older Entries